mercoledì 30 aprile 2014

I sette principi del naming


Vediamo di dare indicazioni sicure per "inventare" un marchio che funzionerà e non basato su ciò che ci piace. Processi e principi per una buona brand identity.

7 principi che ci servono per filtrare le richieste del cliente e per indirizzare il nostro estro creativo, verso un risultato sicuro.
  1.  Significativo,  il brand deve essere riconducibile. Mi spiego, anche se non è una condizione assoluta. Nike, per esempio , è la dea greca della vittoria . Semplice e significativo.
  2. Memorizzabile, il nome deve essere facile da ricordare. Abbreviazioni e allitterazioni sono grandi aiuti per contribuire a garantire mnemonicità.
  3. Distintivo, un nome radicalmente differente dalla concorrenza, tipico e di carattere.
  4. Tutelabile, un nome tutelabile è privo di richiami ad altri e più affermati brand.
  5. Collegabile, un marchio riconducibile in qualche modo al target, all'uso, al servizio.
  6. Intuitivo, è il nome facile da dire e da scrivere.
  7. Flessibile, un nome che non precluda sviluppi futuri o troppo limitante e non modulare. 
Queste regole e principi fondamentali ci aiutano a produrre marchi, brand, loghi, nomi che non solo piacciono, ma che di sicuro funzioneranno.


+Giuliano Ciari
Noi realizziamo il tuo brand, keyweb.it



mercoledì 9 aprile 2014

Pantone in quadricromia? MAI, quasi


"Pantone Inc. è un'azienda statunitense che si occupa di tecnologie per la grafica, della catalogazione dei colori e della produzione del sistema di identificazione di questi ultimi" (fonte Wikipedia).

In Italia le librerie colore Pantone sono le più diffuse fra i grafici e i software di grafica XPress, Photoshop, Illustrator, InDesign, danno la possibilità di scegliere una delle librerie Pantone per lavorare. Spesso per comodità si sceglie un colore Pantone in fase di realizzazione grafica, invece di inventare un colore CMYK, ma i tranelli sono dietro l'angolo.

La stampa Pantone
Se stampo in offset un Pantone mi devo assicurare che questa sia effettuta col classico quinto colore (inchiostri speciali che a volte sono anche sei) e non solo con gli inchiostri di quadricromia. Se il lavoro grafico viene stampato in quadricromia la scelta del colore Pantone è un errore.


Pantone o CMYK?
I colori Pantone sono nati per la stampa offset con inchiostri speciali e aggiungo, negli Stati Uniti. Di più. Il Pantone ha una serie di colori che in quadricromia non si possono ottenere, altrimenti perchè utilizzare un Pantone? non avrebbe senso.

Un dato statistico. Nelle realizzazioni grafiche, fra i mille Pantone, l'80% non sono riproducibili e quindi stampabili in CMYK. Certo si fanno conversioni, ma di corrispondenze CMYK ne esistono sempre molte e non è lo stesso colore.

Quindi il Pantone come standard è un falso mito.
Imparare ad essere elastici, ragionare, adattarsi allo stampatore per avere un ottimo risultato grafico.

+Giuliano Ciari

www.keyweb.it
www.webmatico.it
www.pcplanet.it






martedì 8 aprile 2014

Due, tre cose veloci per migliorare il tuo sito che fa pena

creare contatto web
Creare un contatto web

Le persone arrivano nel tuo sito ed escono subito?
Clienti che fanno campagne su Eduors e Feisbuc, comprano i bannersss sui portali, fanno annunci pubblicitari non ben precisati e poi?

"Il suo sito fa pena, lo sai?". A volte è anche divertente da dire, perchè il bon ton non è di casa.

Divento un attimo serio.

Partiamo da Google Analytics.
Qual'è la frequenza di rimbalzo? Se gli utenti lasciano subito il tuo sito, uscendo dalla stessa pagina in cui sono entrati, due sono i casi. Il sito fa pena, oppure il sito è poco interessante (magari l'ultimo aggiornamento è del 2005?). Esiste spesso anche il caso che il sito fa pena ed è poco interessante, ma non voglio essere pesante.

Come migliorare il tuo sito web in poche mosse?
Pensa come un utente. Cosa cerca? Che informazioni vuole? Cosa gli serve? Scrivi cose interessanti e non scrivere il tema della quinta elementare. Provaci almeno!
 
Cosa serve per farti contattare o vendere?
Mostra bene cosa vendi. Se vendi case, voglio vedere bene la casa, non fare le foto al buio o all'ascensore, non me ne frega niente dell'ascensore. Devi mostrare bene quello che vendi, perchè non ci sarai tu a descrivere la casa all'utente. Sarà solo e dovrà capire tutto da solo.

Anticipa i concorrenti.
"Questa maglietta sarà la più figa dell'estate". "I tuoi amici ti chiederanno dove hai comprato questo fantasmagorico passito". "La nostra agenzia ti sa coccolare, anche dopo che hai pagato la commissione". Prima di vendere, devi concquistarti la fiducia. Sii leader, utile, originale, mai invadente.

Dammi la possibilità di contattarti o comprare.
Quando navigano sul tuo sito devi cercare di coinvolgere. Crea tante possibili azioni da fare, in vari punti della pagina. "Clicca qui" non serve più a niente, non ci crede più nessuno. Usa verbi e parole che possano attirare l'attenzione, pensando al tuo target di riferimento. Si chiamano call-to-action.

L’obiettivo è sempre convertire i contatti in clienti. Linka i tuoi contenuti sui social network perchè sennò perdi una grande occasione di intercettare nuovi utenti interessati, oltre a ricordare alla gente che esisti.

Sei pronto per il restyling del tuo sito web?

Vieni a trovarci sul nostro sito e vedi un altro modo di lavorare!
www.keyweb.it 
+Giuliano Ciari
Facebook