martedì 26 febbraio 2013

Un logo bello non nasce a caso

Parto col dire che troppi grafici improvvisati propongono di realizzare loghi, con l'effetto di scontentare sempre il committente e di far sorridere un professionista di settore. Un logo non nasce dall'improvvisazione, quasi mai.

Prendiamo Apple, la terza versione del logo della mela morsicata. La perfezione non è casuale, infatti i cerchi che vediamo tracciati e che delineano il logo, sono legati alla sequenza di Fibonacci, alla costante di Fidia (1.61803398874989..........), ecc.



Caro cliente, realizzare comunicazione e un buon logo, non deve obbligatoriamente passare da tutto questo, ma nemmeno da un copia/incolla delle forme di Photoshop.

Meditate logo designer, meditate.